clientirollingclub@gmail.com
+39 351 5054559
LUN-VEN 9:00 - 13:00 | 15:00 - 20:00
clientirollingclub@gmail.com
+39 351 5054559
LUN-VEN 9:00 - 13:00 | 15:00 - 20:00
Il Pilates e il Tumore al seno
Condividi:

La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia.  Non permettere alle ferite di trasformarti in quello che non sei !

#ottobrerosa  #LILT

Una diagnosi di cancro e la successiva terapia sono eventi che incidono profondamente sulla vita di una persona.
Si tratta di evento decisamente traumatico che scatena inevitabilmente una serie di emozioni,ansie, paure, pensieri e cambiamenti che sconvolgono radicalmente la vita della persona.

Fortunatamente la mortalità si è drasticamente ridotta negli ultimi anni, grazie soprattutto alla prevenzione e all’estensione dei programmi di screening che consentono di individuare i tumori nella fase iniziale. Ma una volta vinta la battaglia della sopravvivenza, subentra una nuova sfida: imparare a vivere meglio dopo i trattamenti.  

Le persone sentono infatti l’esigenza di riappropriarsi del proprio corpo e della propria immagine.

L’esercizio fisico, mirato e specifico, è un elemento fondamentale per la cura e per la guarigione. Numerosi studi, seppur ancora in fase esplorativa, hanno analizzato l’impatto dell’attività fisica sugli esiti post trattamento del tumore.

Oggi possiamo affermare con certezza che: l’attività fisica crea un incoraggiamento positivo che permette di sentirsi subito meglio, ma diminuisce anche il rischio di recidive.

Il Pilates e il Tumore al Seno
Pensiamo ad esempio al Tumore al Seno, purtroppo sempre molto più frequente in questi anni. Le pazienti, dopo l’operazione, soffrono spesso di perdita di mobilità e capacità funzionale del braccio e della spalla interessati.

Il Pilates, grazie ai suoi esercizi mirati, aiuta

  • recuperare la flessibilità e la forza muscolare
  • a migliorare il metabolismo e le funzioni linfatiche, circolatorie e respiratorie.
  • a migliorare l’equilibrio e la coordinazione e favorisce la concentrazione ed il relax.

Tutto ciò nel paziente aumenta la consapevolezza del proprio corpo: seppur privo di una sua parte, il corpo è forte, vivo e in movimento.

Per queste ragioni il Pilates è un approccio eccellente per migliorare la qualità della vita di tutte quelle persone sopravvissute al cancro al seno.

Le pazienti attraverso un percorso graduale e continuo di allenamento potranno riacquistare elasticità e fluidità nei movimenti, rinforzare la muscolatura e ritrovare benessere, serenità, portamento ed eleganza ed una rinnovata forma fisica. E magari, dopo la frequentazione d elle lezioni di Pilates, non si avrà più paura a sollevare o a prendere in braccio un bambino, fare shopping, portare al braccio le proprie borse.

Ultima osservazione
in relazione a quanto indicato dal Dottore in fare di rieducazione post-intervento, si stabilirà un programma di allenamento che spesso prevede che le lezioni di Pilates vengano vengono effettuate solo sui macchinari, come Reformer e Chair, poiché grazie al loro utilizzo il movimento è assistito e sicuro.

Gli esercizi sui grandi macchinari sono del tutto modificabili ed adattabili e vengono eseguiti nelle posizioni più confortevoli.

 

Francesca Gaetani

Titolare del Rolling Club Pilates di Rende

Condividi: